Home  /  Cos’è il Lean Thinking  /  Tecniche di supporto  /  Kanban

Kanban

Il kanban completa e sostituisce la programmazione MRP:

  • MRP: sulla base delle previsioni calcola a ritroso il momento in cui far pervenire i fabbisogni dei diversi materiali e dare inizio alle fasi di produzione interna
  • KANBAN: il cartellino, che ordina la produzione della quantità in esso descritta, viene staccato e consegnato alla fase a monte solo all’atto del consumo del materiale a cui è allegato
  • MRP: si identifica come logica push, in quanto le previsioni si trasformano in magazzini in cui il prodotto attende di essere consumato da ordini dei clienti
  • KANBAN: si identifica con la filosofia Just-In-Time, infatti rispetta la logica di produrre quello che serve quando serve, nella quantità che serve

Tramite il kanban si controlla la produzione: ciò si ottiene programmando un solo punto della linea, la fase finale, e riducendo gli orizzonti temporali dei programmi consegnati alla produzione.
Si passa così dai programmi settimanali ai programmi giornalieri e oltre. In questo modo, è molto più semplice variare i programmi di produzione, in caso di necessità (errori nelle previsioni, condizioni di mercato mutate, ecc.)

Esistono 3 tipologie di Kanban:

  • KANBAN PRODUZIONE
  • KANBAN RIASSORTIMENTO
  • KANBAN FORNITORI

L’informazione viaggia attraverso il Kanban; è questo strumento infatti che contiene quelle informazioni che fungono da ordine di lavoro:

Cosa produrre

  • Quando produrre
  • In che quantità
  • Come trasportarlo

Le 6 regole del Kanban:

  1. Non consegnare materiale difettoso al processo a valle
  2. Il prelievo viene effettuato dal cliente (processo a valle)
  3. Produrre solo la quantità prelevata
  4. Il programma di produzione deve essere livellato
  5. Il kanban serve per l’ottimizzazione
  6. Stabilizzare e razionalizzare il processo
Bonfiglioli Consulting          Copyright © 2016 Bonfiglioli Consulting.  All rights reserved.  P.I. 02646871208          Privacy Policy  |  Cookie Policy